Salone della Giustizia Rimini Intervento Angelino Alfano

immagini

Il primo Salone della Giustizia ( Fiera di Rimini) l’intervento di Alfano:

Il Salone della Giustizia, patrocinato dai ministeri italiani, non poteva aprirsi in un momento migliore, Berlusconi e il Senatore Dell’Utri  sotto torchio dalle dichiarazioni del pentito di mafia Gaspare Spatuzza, le recenti rivelazioni inquietanti del Fatto Quotidiano su clienti mafiosi di Schifani ( risalenti all’epoca della sua carriera da avvocato), l’avviso di garanzia per Cosentino, un’intervista del Fatto Quotidiano alla ex moglie del Senatore D’Alì (Pdl) che ne ricorda i contatti del marito con il Boss Messina Denaro e per ultimo il ministro della Giustizia Angelino Alfano che è al centro del dibattito, non per il suo periodo siciliano che lo vedeva in rapporti con Ciancimino Jr (L’espresso) e per aver presenziato al matrimonio della figlia di un boss, ma  perché maggior sostenitore del vituperabile “Processo Breve”, degna invenzione giuridica, nata a tutela del diritto ad un processo in tempi brevi per ovviare ai processi del Premier tramite la riduzione dei tempi di prescrizione.

Del “Processo Breve” il ministro Alfano non ha mancato di parlare anche nella sua lettera inviata al salone che qui riproponiamo:“Sarò ben lieto di aprire i lavori della manifestazione intervenendo, il 3 dicembre prossimo, alla giornata inaugurale del Salone. Il Governo di cui mi onoro di far parte, avverte fortemente la necessità di promuovere una profonda riforma della giustizia, in tutti i suoi settori. E, proprio per onorare questo impegno preso con i cittadini durante la campagna elettorale, stiamo lavorando ormai da un anno perché con questa riforma sia finalmente possibile restituire ai processi civili e penali quei requisiti di equilibrio, rapidità ed efficienza che affliggono le nostre aule giudiziarie ormai da troppo tempo. A Rimini, per quattro giorni, avremo l’occasione di illustrare quanto sarà stato realizzato fino ad allora e quanto ancora ci sarà da fare e avremo l’opportunità di spiegarlo al mondo della politica, della magistratura, dell’avvocatura, delle forze dell’ordine, delle professioni, dell’imprenditoria, dell’università er dell’informazione, nonché a tutti i cittadini che, mi auguro, vorranno visitare i padiglioni della Fiera e partecipare agli incontri che vi si svolgeranno”.

Il popolo delle Agende Rosse. Alfano avrebbe appunto dovuto aprire i “lavori” del salone, ma è stato battuto sul tempo da Fini giunto a Rimini in mattinata. Il ministro della giustizia è arrivato invece a metà del pomeriggio, ad accoglierlo, prima del tappeto rosso e della schiera di poliziotti in riga, c’era il popolo delle agende rosse, ovvero quei comuni cittadini che ancora si chiedono dove sia finita l’agenda rossa di Paolo Borsellino scomparsa dopo l’attentato di cui è stato vittima (si ritiene che l’agenda contenga preziose informazioni sulla trattativa fra stato e mafia ai tempi della stragi del ’92). Di tutto fatto le forze dell’ordine che avevano ricevuto indicazioni di non fare assolutamente entrare agende rosse all’interno del Salone hanno bloccato l’acceso, di norma aperto a tutti i cittadini, a chiunque avesse in borsa un’ agenda rossa.

La visita del salone di Alfano. Alfano, dopo un ingresso trionfale, attorniato da una rete umana di poliziotti ed agenti che lo proteggevano, ha visitato con una certa dovizia lo stand dedicato agli strumenti di tortura della storia italiana, quello dove era custodito il primo numero della Gazzetta Ufficiale, quello del Ministero della Giustizia, ma, giunto di fronte allo stand che figurava l’entrata di un carcere e avviatosi poi verso la cella tipo di un carcerato del 41bis ( regime di carcere duro) non è riuscito, in un mordicchio di labbra, a nascondere una certa titubanza. (– Certo fra i fatti sopra citati e la ferma opposizione, poi ritenutasi vincente, del Ministro dell’ambiente Prestigiacomo alla riapertura, da lui stesso fortemente propugnata, del carcere di massima sicurezza dell’isola Pianosa (dove venivano rinchiusi molti dei boss arrestati) qualcosa deve essergli sovvenuta -)

Ai giornalisti che lo seguivano, prima di entrare nello spazio dedicato all’ANM, non ha mancato di riferire tali parole:  “Nonostante la contumacia del presidente dell’ANM sono passato a porgere il mio saluto ai rappresentanti dell’ ANM”.

Il ministro, dopo essersi fatto scattare una gaudente foto con un libro nelle mani intitolato “La riforma della procedura civile”, si è poi recato nella sala principale del salone dove ha tenuto il suo discorso inaugurale, previo scuse per il ritardo dovuto alla rocambolesca visita degli stand, ha sostenuto che il salone della giustizia è la prova di un concetto “anche un po’ romantico” ovvero (riporto in sintesi le sue parole) è l’idea che, al di là delle divisioni politiche, quando fisicamente in un salone della giustizia si vedono raggruppati tutti i componenti della giustizia si deve pensare, necessariamente, ad una grande squadra italiana capace di stare in campo con la stessa maglia. Alfano si è poi, contrariamente alle sue premesse, avventurato in discorso, puramente propagandistico, palesando la necessità di una riforma della giustizia: ” Noi vogliamo cambiare la giustizia e cambiarla in meglio, perché non è più possibile immaginare che nel nostro paese i processi civili durino più di 10 anni…non è più possibile che i detenuti stiano stretti e che il 38% di essi sia di provenienza straniera”.

Passa poi, come di consueto, alla separazione dei PM dalla Magistratura e all’elogio, ormai divenuto anch’esso un classico, della dura lotta alla mafia condotta dal governo che ha trasformato il carcere duro in carcere durissimo: ” Ho visto che vi era uno stand che ospitava un carcere immaginario  e che dentro quello stand vi era anche la cella del 41 bis, noi con le nostre leggi antimafia abbiamo trasformato il carcere che era già duro in carcere durissimo” Si profonde poi nei ringraziamenti alla magistratura,( fin d’ora da lui sempre attaccata duramente) quale reale autrice, insieme alle forze dell’ordine, di centinaia di arresti e sequestri di beni di provenienza mafiosa. L’elogio dell’operato della maggioranza al governo continua: ” Abbiamo prodotto delle norme che hanno fatto sì che alcuni abomini giuridici venissero cancellati” ovvero, tradotto, l’abolizione del patrocinio gratuito per i mafiosi che si dichiarerebbero nullatenenti, che poi sarebbe, da intendersi, lo scotto per l’introduzione di altri abomini giuridici quali il Lodo Alfano e il Processo Breve. Il ministro a metà del suo discorso si dà alla lettura di un testo classico di Giustiniano: “La giustizia era lentissima… Giustiniano per impedire che la cause siano quasi immortali stabilì che i tribunali di primo grado dovevano emettere una sentenza nel giro di tre anni per i casi civili e di due anni per i casi penali” Dopo gli applausi qualcuno ha osato opporsi: ” Però il processo veniva finito”  due Magistrati hanno abbandonato subito la sala alzandosi come se fossero stati oltraggiati dai racconti, non più romantici bensì classici, profusi dal ministro. Ora, chiamarlo salone dell’ingiustizia sembrerebbe poco.

Andrea G. Cammarata

Intervento Angelino Alfano( Vai al video di EsPr3Ssioni su you tube)

Vai all’articolo pubblicato su inviato speciale

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...