Giappone le balene reclamano, il loro attivista Peter Bethune rischia l’arresto

Sporco mondo

di Andrea G. Cammarata

Moby Dick piange ancora, non cessa la caccia alle balene da parte dei giapponesi che al Governo hanno anche un ministro della Pesca. Ritualità e folclore nipponico, ma ogni anno sono più di mille le balene uccise.

Vuole il caso che l’attivista neozelandese contro la caccia ai cetacei, Peter Bethune, facente parte della Sheperd Conservation Society, proprio non ci sta e nello scorso Gennaio  ha tentato di recapitare, direttamente a bordo di una baleniera, una richiesta di rimborso di due milioni di euro per i danni riportati al trimarano avveniristico “Andy Gil” della Società ambientalista di cui fa parte, che era stato speronato e affondato dalla baleniera stessa. Bethune in quell’occasione fu bloccato dall’equipaggio e denunciato di pirateria.

Ora il caso di Bethune è oggetto di un’indagine della Guardia Costiera e l’attivista rischia una pena di tre anni di reclusione per il reato di “trespass” (violazione di divieto di accesso), già domenica potrebbe essere consegnato alla Polizia, lo riporta essenzialeonline.it.

Dure le denunce internazionali e delle altre organizzazioni che lottano contro la caccia alle balene, i governi di Australia e Nuova Zelanda  condannano categoricamente questa attività barbara e anche inconsueta, poiché, fra l’altro, la carne di balena non è più poi così gradita dalla popolazione giapponese.

Il Premier australiano ha minacciato un’azione legale contro il governo nipponico, ma, diversamente, Hirotaka Akamatsu, il ministro della Pesca, sostiene che le azioni del giovane neozelandese sono da considerarsi “un comportamento oltraggioso e illegale”, e sembra difendere la linea tradizionale del suo popolo, che ritiene la caccia alle balene come una sorta  di valore tradizionale, quasi alla pari di attività ben più nobili, quali quelle del Sumo e della cura dei bonsai.

Speriamo che il “capitano Achab”, quello in versione samurai, termini questa mattanza atroce e appenda l’arpione al chiodo, con dimissioni immediate…

Articolo pubblicato su Newnotizie.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...