Nigeria, Warri: guerriglieri del Mend contro le società petrolifere

Africa

di Andrea G. Cammarata

Situazione ancora allarmante in Nigeria, dopo gli scontri etnici della settimana scorsa fra comunità cristiane e musulmane, oggi ci sono state due esplosioni a Warri, nel Sud nigeriano, zona ricca di risorse petrolifere. L’attentato è stato rivendicato dai guerriglieri del Mend ( Movimento per l’emancipazione del Delta del Niger). Due bombe sono esplose nei pressi degli uffici del governo, la seconda proprio davanti all’ingresso principale, ancora nessuna notizia di vittime. Goodluck Jonathan, vicepresidente nigeriano attualmente sostituto del presidente Yar’Ardua, gravemente malato, era negli uffici governativi al momento delle esplosioni, avvenute proprio durante un convegno aperto per discutere i negoziati di pace, oggetto di un programma di amnistia con i dissidenti del Delta. Il Mend aveva ripetutamente avvisato tramite dei messaggi mail, di aver disseminato delle bombe.

Il dialogo dei guerriglieri con il governo nigeriano è stato gravemente interrotto dalla malattia del presidente che aveva accettato molte condizioni imposte dai dissidenti nigeriani, con la conseguenza che i guerriglieri del Mend, dopo un periodo di tregua che durava dall’autunno scorso, il 30 gennaio hanno riaperto le ostilità riprendendo gli attacchi per l’emancipazione del Delta del Niger dal dominio delle multinazionali petrolifere, nella speranza di ottenere giustizia per il loro popolo. Durante l’annuncio della fine della tregua il Mend aveva avvertito le compagnie petrolifere di fermare la produzione e che ogni base operativa sarebbe stata distrutta. Jobe Gbomo, portavoce del Mend affermò “che tutte le società collegate alle industrie del petrolio avrebbero dovuto prepararsi ad una vera e propria offensiva contro i loro impianti e il loro personale” e aggiunse ” Fortunatamente per il popolo del Delta del Niger nessuno sarà in grado di proteggere gli impianti da un attacco dai nostri combattenti” facendo riferimento alle Joint Task Force in difesa delle società petrolifere.

Le JTF hanno tuttavia  un controllo serrato del territorio di Warri, considerato anche che i Med, un anno fa, fecero esplodere un oleodotto e un gasdotto nella zona di Escravos. Le task force, prima della tregua, sono intervenute militarmente bombardando diverse comunità e facendo diversi morti nel tentativo di distruggere campi di addestramento dei guerriglieri.

Articolo pubblicato su Newnotizie.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...