Australia, nave cinese perde greggio. Allarme catastrofe ambientale nella barriera corallina

Sporco mondo

Share

di Andrea G. Cammarata

Il cargo cinese Shen Neng 1 potrebbe avere tentato una manovra illegale quando si è incagliato nella famosa barriera corallina australiana del Queensland, a bordo ha ben 65mila tonnellate di carbone e 975 di petrolio.

La nave sta perdendo carburante e secondo gli ambientalisti la perdita potrebbe devastare la riserva naturale della barriera corallina. “Una bomba a orologeria” ha riferito a Reuters Gilly Liewellin, direttrice del dipartimento del Wwf in Australia.

Ascoltando gli esperti infatti tutte le speranze di salvezza dal disastro ecologico si basano sul tempo, unico fattore che potrebbe fermare la “catastrofica rottura in due della nave”, limitandone una drastica fuoriuscita di greggio.

Intanto le autorità di sicurezza marittima (MSQ) del Queensland stanno cercando di minimizzare la perdita di carburante, e Patrick Quirik, portavoce e capo (MSQ), riferisce ai media locali che c’è una “ragionevole possibilità, nelle condizioni attuali, che non vi sarà alcuna rottura catastrofica della nave, ma se il tempo cambierà in peggio saranno altri problemi”.

La nave si era rifornita di carburante nel porto di Gladstone sabato mattina, ed era diretta a tutta velocità in Cina.

L’incidente è avvenuto a settanta Km a est della Great Keppel Island, al largo di Rockhampton, nell’Australia Orientale. Al momento dell’impatto nella barriera corallina, la Shen Neng 1 si trovava in una secca distante 15 Km dalla corsia navigabile che avrebbe dovuto percorre per lasciare il mare antistante la regione del Queensland.

Indagini. Intanto le forze dell’ordine australiane hanno aperto tre indagini ma non hanno indagato formalmente nessuno, lo riferisce il Courier Mail, un giornale australiano. Si cerca di capire perché il cargo si sia allontanato di 15 Km dal canale regolamentare e come abbia fatto a finire nella riserva naturale. Secondo gli  inquirenti forse il capitano della Shen Neng 1 cercava un passaggio fra i due Reefs della barriera corallina. Un portavoce della Guardia Costiera del Queensland ha infatti confermato l’esistenza di un canale, appositamente creato in quelle zone, “con sufficiente profondità” per permettere di attraversare il Reef alle imbarcazioni.

Stando a quanto riferiscono le autorità locali il cargo Shen Neng 1 appartiene alla Shenzen Energy Group, che è una delle sussidiarie di una società statale della Repubblica popolare cinese: la Cosco, i cui rappresentanti da oggi, dopo un giorno di silenzio pubblico, dovranno far fronte ad ammende per almeno un milione di dollari, mentre il capitano dell’imbarcazione sarà tenuto a rimborsarne fino a 250mila. La Cosco avrebbe un regolare contratto di assicurazione con la compagnia Svitzer.

Il premier del Queensland, Anna Bligh, ha detto che l’imbarcazione ha seguito rotte illegali e che dovrà fare fronte “alla dura forza della legge”, lo riferiscono i media locali.

Articolo pubblicato su Newnotizie.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...