Alaska: oleodotto Bp, altra falla. Ancora allarme ecologico

Sporco mondo

Trans Alaska Pipeline

Share

Di Andrea G. Cammarata

Ancora grossi problemi per Bp, ma non nel Golfo del Messico, dove la piattaforma Deep Water Horizon il 20 aprile, era affondata provocando il riversamento in mare di migliaia di barili di petrolio. Questa volta nel centro del mirino c’è un oleodotto in Alaska, il cui flusso è stato bloccato a causa di una perdita di petrolio. I dispositivi di sicurezza sembrano ancora funzionare, ma potrebbero non essere sufficienti. La perdita è dovuta a malfunzionamenti tecnici dell’oleodotto, e finora è stata trattenuta da una vasca di emergenza, che ha raccolto il greggio, tuttavia la sua capacità è di 104.500 barili e non potrà sopperire alla perdita per più di 48 ore.

L’allerta è massima. L’inconveniente tecnico si è verificato nella zona a sud di Faribanks durante un test di controllo anti-incendio. Tutto il personale della stazione di pompaggio ha lasciato la zona.

L’oleodotto in questione, il Trans-Alaska-pipeline, si estende per 1300 Km e ha una capacità di 667mila  barili di petrolio al giorno, e per il 47% è controllato proprio dalla Bp.

Intanto per ciò che concerne la falla del Golfo del Messico, l’amministrazione Obama è infuriata, il presidente degli Stati Uniti, che venerdì tornerà in Louisiana, in via informale avrebbe detto “Tappate quel maledetto buco”.

Si aggiungono altri dettagli dell’incidente a bordo della Deep Water Horizon, rivelati da una delle commissioni d’inchiesta del disastro, presieduta da Henry Waxman e Bart Stupak. A fronte di uno studio di 105mila pagine d’indagini riguardanti la società petrolifera Bp, la Transocean, padrona della piattaforma e la Halliburton, facente parte del gruppo Cameron, è stato chiarito che 3 segnali di pericolo sono arrivati 51 minuti prima dell’esplosione, fra i quali “una pressione abnorme all’interno dei tubi.”

La Transocean, che affittava la piattaforma a Bp, ha fatto sentire la sua tramite un portavoce accusandola: “un pozzo si costruisce nella stessa maniera di una casa: seguendo le istruzioni del proprietario e dell’architetto. In questo caso si tratta di Bp.”

Questo articolo è pubblicato anche su Newnotizie.it

Articolo selezionato da Informazione libera

Leggi anche:

-Marea Nera, c’è un testimone: “Bp accelerò la produzione nonostante i lavori in corso”

– Usa: affondata piattaforma BP, enorme macchia di petrolio già visibile dalla Louisiana

-Marea nera:USA ammette colpe, Obama apre commissione d’inchiesta indipendente

-Venezuela, mar dei Caraibi: affonda piattaforma gas

per commentare non è necessaria alcuna registrazione
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...