“Sovranità” e Berlusconi. Attacca pm e magistratura. Più potere. No alla protezione civile in Abruzzo.

Berlusconia

Share

Di Andrea G. Cammarata

La gatta è sempre più frettolosa ed i suoi gattini saranno ciechi, sul ddl intercettazioni il Premier ha detto: “Non dobbiamo perdere più tempo e bisogna votarlo senza ulteriori modifiche”, mostrandosi tuttavia insoddisfatto durante l’Ufficio di Presidenza del Pdl. “Avrei preferito un testo più incisivo per impedire abusi nell’utilizzo delle intercettazioni”, eppure il ritardo sarebbe il segnale di un dialogo interno al partito che gli consente di proclamare “che il Pdl è un partito democratico in cui le decisioni vengono prese con il contributo di tutti.” Impossibile non impugnare il falso, quando rispose a un Fini lamentoso della “caserma” PdL, dicendogli “o sta dentro o sta fuori”, o ancora peraltro gli replicò “non è possibile che esitino correnti, a meno che non si parli di metastasi del partito.”

Dopo due anni di studi su come imbavagliare la stampa e le indagini della magistratura, il Premier è stanco: “Ora basta. Ci sono gli emendamenti studiati insieme poi ci sarà l’ok del Senato e il testo non verrà più modificato alla Camera.” Intanto l’ira dei giornalisti è sempre più funesta, Marco Travaglio ha già sostenuto, meglio che si approvi il testo peggiore senza nessuna miglioria, perché così sarà più facile ottenere un intervento della Corte costituzionale, o di quella europea. Risponde Berlusconi alla stampa, con il solito savoir faire, “continuano a criminalizzarci, è una cosa assurda”, ma c’è altro.

Il Capo del Governo ha presenziato alla convention di Federalberghi, dando, come d’abitudine, scandalo. “Lobby dei magistrati e dei giornalisti ci hanno impedito di giungere ad un testo che difenda al 100% il nostro diritto di libertà. La sovranità nel nostro Paese dovrebbe essere del popolo, che la conferisce al Parlamento, ma oggi non è più del parlamento. La sovranità è passata a questa corrente della magistratura e ai suoi pm, che attraverso la Corte costituzionale abrogano le leggi.” Aboliti il terzo potere, quello della magistratura e, il “quarto potere”, quello dell’informazione, l’inesorabile Premier non potrà più dire: “Il Presidente del Consiglio non ha nessun potere” e dimenticherà quei “padri costituenti che hanno frammentizzato tutto il potere senza riservarne alcuno al Presidente del Consiglio”, come ha sostenuto nelle frasi da lui asserite in convention.

Parole che chiarificano l’idea di democrazia in possesso al nostro presidente del Consiglio, padre di decine di leggi ad personam, che ancora afferma irremovibile “Fare una legge in Italia è un calvario quotidiano. quando una legge esce dal Consiglio dei ministri tu avevi pensato un cavallo e dall’iter parlamentare esce un dromedario.” E’ evidente fra l’altro che nel sultanato del Cavaliere non si ha a memoria che in Italia l’esecutivo ha potere di legiferare con delega del Parlamento solo in caso di necessità urgenza, lo sanno tutti, ma qui si continua a legiferare tramite d.l. e fiducia, pratica impossibile altrove in Europa.

Dalla platea di Federalberghi, ancora il Cavaliere, privo di vergogna alcuna, sulla sua liberazione dal male delle intercettazioni: “Finora se avevi 15 ragazze venivano tutte intercettate…” e ancora “viene ridotta la possibilità di fuga di notizie con pesanti sanzioni penali e inoltre sarà proibita la pubblicazione sulla stampa del contenuto delle intercettazioni, che poi come sapete si possono anche cambiare, basta tagliare una frase per arrivare addirittura a capovolgere il suo senso.”

E’ un delirio vaporoso, ma c’è di più. No alla protezione civile in Abruzzo, “finché dureranno le accuse di omicidio colposo nei confronti dei suoi dirigenti dalla magistratura”,  come riporta oggi il Corriere della Sera a riguardo delle decisioni del Premier, che per l’Aquila teme: “se uno ha avuto un famigliare morto sotto le macerie ed è anche in condizioni di debolezza gli può venire anche in mente di sparare un colpo…Per cui la Protezione civile non andrà più in Abruzzo finché c’è l’indagine per omicidio colposo.”

Questo articolo è pubblicato su Newnotizie.it

Per commentare non è necessaria alcuna registrazione

Segui EsPr3sSioni su Twitter

Leggi anche:

-Assemblea Confartigianato: parla B. l’artigiano

Lui, il capo del Governo, migliore e più anziano degli altri leader, non è soltanto uomo “che fa la professione della politica”; è anche imprenditore come loro: “Vi faccio gli auguri da presidente del consiglio e da collega a tutti voi”…

-Il Cavaliere dello zodiaco, nato sotto il segno del Biscione

-Brutte figure all’estero. L’express: “Berlusconi seduce ancora gli italiani, ma li seduce meno”:

-Fede intervistato dal Giornale: “Saviano mi ha rotto, Draquila cazzate”

-Le Monde: “Bondi come il figlio del Duce”

– Nuovi osservatori: “Parigi non val bene Gomorra”

-Berlusconi e Mondadori: un articolo di Le Monde per le brutte figura di Gomorra

– Berlusconi e le brutte figure di Gomorra

– …Ma la mafia non esiste

Annunci

Un pensiero su ““Sovranità” e Berlusconi. Attacca pm e magistratura. Più potere. No alla protezione civile in Abruzzo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...