Berlusconi-Confcommercio:”procura di Trani mi ha intercettato 18 volte”. “Questa non è democrazia”

Berlusconia

foto, La Repubblica

Share

Di Andrea G. Cammarata

Al presidente del Consiglio proprio le intercettazioni non piacciono. Ha fretta, e si sente intimidito dalle stesse.

Roma, assemblea Confcommercio, Silvio Berlusconi sul ddl intercettazioni: “Noi abbiamo preparato il provvedimento in quattro mesi. È stato undici mesi alla Camera, dodici mesi e mezzo al Senato, e ora alla Camera si parla di metterlo in calendario a settembre. Poi bisognerà vedere se il capo dello Stato lo firmerà e poi, quando uscirà, ai pm della sinistra non piacerà e si appelleranno alla Corte costituzionale che, secondo quanto mi dicono, la boccerà”. Batte il chiodo fino a non volerlo vedere più sporgere. Altro:  “in Italia 7,5 milioni d’italiani intercettati”, tanti gli spiati secondo il Premier. Ma i dati sarebbero pressoché avventati. Berlusconi spiega che considerati 15omila telefoni sotto controllo nel Bel Paese, almeno 50 sarebbero le persone intercettate a strascico per ognuno di questi telefoni. La replica pronta dall’associazione nazionali magistrati (ANM) tramite il suo presidente, Luca Palamara, è che i “numeri sono diversi”.

In questo pallottoliere governativo rotto i conti non tornano, come nel “Grande fratello” di Orwell, quando due più due fa cinque… Ascoltate ancora il Premier. “In Italia siamo tutti spiati. Ci sono in italia circa 150 mila telefoni sotto controllo: considerando 50 persone per ogni telefono, vengono fuori così 7 milioni e mezzo di persone che possono essere ascoltate. Questa non è vera democrazia, è una cosa che non tolleriamo più”, applausi.

In una democrazia tutta italiana, cui il presidente del Consiglio partecipa con un conflitto d’interessi imbarazzante, e delegittimando continuamente il potere giuridico, ora invece sono le intercettazioni che mettono a rischio la democrazia. C’è altro, la legge bavaglio sulle intercettazioni, a detta dei più, limita fortemente la libertà di stampa ma lui, Berlusconi, dice che: “non c’è la tutela della libertà di parola”. Ancora un non senso all’italiana. Continua. “Così non può essere in un Paese civile. ditemi se è possibile essere spiati in questo modo. C’è una piccola lobby di magistrati e giornalisti che è contro.” Mentre dal mondo intero, stampa, organizzazioni internazionali, un portavoce del dipartimento di giustizia americano, l’Osce ( organizzazione di sicurezza e cooperazione in Europa),  avvertono che proprio no, è sconsigliabile limitare le intercettazioni in un Paese dove la criminalità organizzata genera un fatturato annuo di 130 miliardi di euro. No, non siamo bravi ragazzi, non si può permettere un lusso tale.

L’ultima goccia l’ha versata l’inchiesta di Trani, intollerabile al Premier: che dice in assemblea Confcommercio: -niente di meno che- “Il presidente del Consiglio da una piccola procura di Trani è stato ascoltato con differenti interlocutori 18 volte”. Ma di fatto se ciò è avvenuto i motivi sono noti, e le sue pressioni per chiudere annozero, fra l’altro ampiamente pubblicate, sono una dimostrazione incontrovertibile della necessità delle intercettazioni.

Su tutto torna in auge l’idea diversa di democrazia alla Berlusconi, intollerante degli organi di controllo che la tutelano, e che impediscono lui di lavorare alla sua maniera: “quando un imprenditore come me pensa alle cose da fare, si scoraggia, perché per arrivare a un risultato concreto bisogna passare le forche caudine di tante difficoltà che a volte uno pensa chi me lo fa fare, torno a fare quello che facevo prima o me ne vado in pensione”. Ecco poi i problemi che gli suscitano le regole della democrazia: il problema è nell’ “architettura istituzionale” che “risente del timore dei padri costituenti che potesse tornare una dittatura”; e spiega le soluzioni: che prevedono di riformare la Costituzione, sulla quale lui stesso ha giurato.

Questo articolo è pubblicato su Newnotizie.it

Per commentare non è necessaria alcuna registrazione

Segui EsPr3sSioni su Twitter

Leggi Anche:

-Assemblea Confartigianato: parla B. l’artigiano

“Sovranità” e Berlusconi. Attacca pm e magistratura. Più potere. No alla protezione civile in Abruzzo

Il Cavaliere dello zodiaco, nato sotto il segno del Biscione

-Berlusconi e Minzolini indagati. La Procura di Trani tace

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...